Coltivazione

La coltivazione dello zafferano

Il metodo più utilizzato dai paesi produttori di zafferano, prevede che i cormi (bulbi) vengano prelevati dal terreno ogni determinato periodo di anni. La pianta quindi rimane nella stessa piantagione per più anni di seguito. In Sardegna il periodo è di 4 anni, in Grecia i bulbi sono prelevati ogni 7 anni. Noi preleviamo i nostri bulbi ogni due anni. A fine giugno con cura preleviamo da coltura precedente i cormi che verranno messi a dimora in un terreno nuovo dopo essere stati accuratamente puliti a mano. Il terreno che ospiterà i nuovi cormi  viene preparato con un'aratura ad una profondità di 30 cm con la contemporanea fertilizzazione tramite letame. La superficie viene successivamente affinata e livellata e vengono predisposti 2 o 3 solchi alla distanza di circa 20 cm l'uno dall'altro per ospitare i cormi. Per quanto concerne il posizionamento dei cormi nel solco del terreno questi vengono posti ad una distanza di 3-4 cm per lasciare lo spazio ai nuovi bulbi che si formeranno nel corso degli anni.Nessun prodotto chimico viene utilizzato dalla nostra azienda durante il ciclo vegetativo.

Le prime foglie filiformi spuntano con le prime piogge di fine settembre, con uno sviluppo fino anche ai 40 cm. I fiori hanno sei petali di colore violaceo, con tre filamenti rosso scarlatto (stimmi = lo zafferano) che rappresentano la parte femminile e tre antere gialle che rappresentano la parte maschile.

cormi small